Scuola di specializzazione

Come funzionano le specializzazioni di medicina e chirurgia? Com’è la vita di un neospecializzando?

1. INFORMAZIONI BASE

 

DURATA 

La durata delle scuole di specializzazioni varia da 3 a 5 anni, per esempio: 

  • Statistica medica e fisica: 3 anni
  • Cardiologia: 4 anni
  • Medicina interna: 5 anni
  • Chirurgia generale: 5 anni

Dopo ogni anno è presente un giudizio finale, generalmente un esame orale effettuato entro 1 mese dalla fine del corso, che si può ripetere solo una volta.

INCOMPATIBILITÀ’

La scuola di specializzazione è incompatibile con altre attività tranne:

  • Sostituzioni MMG (fino a 30 giorni)
  • Continuità Assistenziale
  • Attività libera professionista intramuraria
  • Vaccinazioni COVID-19 
  • USCA (Unità speciali di continuità assistenziale)

È possibile tenere aperta la partita Iva? Sì la partita Iva è semplicemente regime fiscale che è consentito avere per svolgere lavori compatibili con la specializzazione

EQUIPOLLENZE E AFFINITÀ’
Due specializzazioni vengono definite equipollenti quando si interessano dello stesso settore disciplinare.
Esempio: poiché tra le scuole equipollenti di “medicina interna” è presente “geriatria” ciò significa che avere la specializzazione in geriatria è esattamente come avere la specializzazione in medicina interna.

Invece l’affinità tra due specializzazioni permette di effettuare un concorso X pur avendo una specializzazione Y.
Esempio: poiché tra le affinità di “nefrologia” c’è “urologia” ciò significa che avere la specializzazione in urologia permette di partecipare ai concorsi per nefrologo. Ciononostante, poiché tra le affinità di “urologia” non c’è “nefrologia” ciò significa che avere la specializzazione in nefrologia NON permette di partecipare ai concorsi per urologo. 

2. QUESTIONI BUROCRATICHE

 

IMPEGNO ORARIO

Quante ore lavora in media uno specializzando? Secondo il contratto, “l’impegno richiesto per la formazione specialistica è pari a quello previsto per il personale medico del Servizio Sanitario Nazionale a tempo pieno”. Nella realtà dei fatti, il numero di ore dipende molto dalla specialità e soprattutto dall’ospedale/reparto in cui ci si trova.

PAGAMENTO

Quanto guadagna uno specializzando? Per i primi due anni il trattamento economico annuo onnicomprensivo è pari a 25.000 euro, mentre per gli anni successivi è pari a 26.000 euro. Questo è esente dall’imposta sul reddito delle persone fisiche e viene corrisposto in rate mensili posticipate.

In particolare, lo stipendio è formato da una quota fissa e una variabile:

  • Quota fissa = 22.700 euro lordi per ciascun anno
  • Quota variabile = 2.300 euro lordi annui per i primi due anni di corso e 3.300 euro lordi annui per gli anni di corso successivi

Per quanto riguarda il sistema contributivo pensionistico: lo specializzando è iscritto alla gestione separata dell’INPS: l’università versa il 16% all’INPS come quota previdenziale, poi lo specializzando versa l’8% per la gestione separata.

Dunque, parlando di quote nette, vi saranno corrisposti:

  • 1652 euro per i primi due anni di corso
  • 1718 euro per gli anni di corso successivi

Infine, lo specializzando deve pagare le tasse universitarie e la quota A dell’ENPAM. Non bisogna invece fare la dichiarazione dei redditi (IRPEF) a meno che non si abbiano altre fonti di guadagno.

ASSICURAZIONE

L’azienda sanitaria presso cui lo specializzando svolge l’attività formativa provvede alla copertura assicurativa per i rischi professionali, la responsabilità civile contro terzi e gli infortuni connessi all’attività assistenziale svolta nelle proprie strutture. Non è invece compresa la copertura per colpa grave.

3. ASSENZE E TRASFERIMENTI

 

Assenze per motivi personali

Lo specializzando può assentarsi per motivi personali (“prendere le ferie”)? Sì, ma queste assenze devono avere dei requisiti particolari: 

  • durata non superiore a 30 giorni lavorativi complessivi per anno accademico
  • non devono pregiudicare il raggiungimento degli obiettivi formativi

Inoltre non devono essere recuperate e non comportano l’interruzione del trattamento economico.

Infine, sono escluse dalle assenze per motivi personali quelle dovute alla partecipazione a convegni, congressi, corsi e seminari che siano stati autorizzati come attività formative.

Assenze per impedimenti temporanei 

Impedimenti temporanei che causino assenze superiori ai 40 giorni lavorativi consecutivi (malattia o gravidanza) causano la sospensione del periodo di formazione e l’obbligo di recupero. In questo periodo viene corrisposta solo la parte fissa del trattamento economico, per massimo 1 anno oltre la durata legale del corso.

Invece gli impedimenti temporanei inferiori a 40 giorni lavorativi consecutivi non fanno parte delle assenze per motivi personali. Nello specifico, l’assenza per malattia deve essere giustificata mediante un certificato telematico.

MATERNITA’

Le specializzande hanno diritto alla tutela della maternità. In particolare, la formazione viene obbligatoriamente sospesa durante il periodo di astensione obbligatoria, e verrà recuperata in seguito. Inoltre, durante questa assenza alla specializzanda spetterà solo il trattamento economico fisso.

ESTERO

Lo specializzando può svolgere un periodo di formazione all’estero con durata fino a 18 mesi complessivi, in seguito a delibera della sua Scuola di specializzazione.

TRASFERIMENTO
Il trasferimento di uno specializzando da una scuola ad un’altra scuola di specializzazione della stessa tipologia è consentito:

  • Dopo che è stata verificata la capacità ricettiva della scuola di specializzazione di destinazione
  • Solo dopo il 1 anno di corso
  • Non è consentito in corso d’anno
  • Solo in presenza di documentati motivi (problemi di salute gravi o personali, matrimonio e ricongiungimento familiare)

EXTRA

 

RISOLUZIONE ANTICIPATA DEL CONTRATTO

La risoluzione anticipata del contratto può avvenire nei seguenti casi:

  • rinuncia al corso di studi da parte dello specializzando 
  • violazione delle disposizioni in materia di incompatibilità
  • prolungate assenze ingiustificate o superamento dei 12 in caso di malattia
  • mancato superamento delle prove annuali 
  • violazione grave del Codice di comportamento 

EXTRA

  • E’ possibile prendere una seconda specialita’
  • NON si possono frequentare dottorati, master, corsi post-laurea durante la specialita’ (ma nel prossimo futuro potrebbe cambiare qualcosa)